01 aprile 2010

UN MISERO 18


Romanzo d'esordio di Chetan Bhagat, Un misero 18 intrattiene piacevolmente il lettore. Scritto in modo scorrevole e, almeno all'inizio, anche con una certa arguzia, narra le peripezie di un trio di studenti che tentano di sopravvivere ai massacranti ritmi di studio imposti da una delle università d'eccellenza del Paese: l'Indian Institute of Technology di Delhi. Il libro, pubblicato nel 2004, in patria era balzato immediatamente in testa alle classifiche di vendita, apprezzato da una fascia di pubblico giovanissimo. Pare che in India non siano molti i racconti imperniati sulla nuova dorata gioventù urbana e occidentalizzata che vive, studia e si diverte nelle gigantesche metropoli del subcontinente. Anche in occidente non siamo abituati a considerare l'India da questa prospettiva, per cui Un misero 18 può rivestire un certo interesse. Peccato che il romanzo si limiti al suo contenuto giovanilistico, delinei troppo superficialmente temi e caratteri, si avvalga di uno stile dignitoso ma non eccelso. Comunque si può apprezzarne la leggerezza e la novità tematica.

TRAMA

Hari, Alok e Ryan sono tre studenti che si incontrano all'IIT e stringono una singolare amicizia. Ben presto si stancano di corsi, professori, lezioni, relazioni, esami, e vivacchiano ai margini del sistema universitario divertendosi un bel po'. Ma non tutto fila liscio.

RECENSIONI

Cinema Hindi: **1/2
Punto di forza: la novità
Punto debole: la superficialità

SCHEDA DEL ROMANZO

Personaggi:

* Hari - il narratore, nonchè mediatore fra Alok e Ryan
* Alok - il più serioso
* Ryan - il bello, l'intelligente, lo sportivo, il ricco
* Neha - la fidanzata di Hari e figlia di Cherian
* Cherian - il mostro, capo dipartimento di ingegneria meccanica
* Veera - il professore dal volto umano

Autore: Chetan Bhagat (Una notte al call center), classe 1974. Bhagat è attualmente il numero uno nelle classifiche di vendita fra gli scrittori indiani di best-seller in lingua inglese.

Anno: 2004

Titolo originale: Five Point Someone

Edizione italiana: Edizioni e/o, 2008

Pagine: 305

Sito ufficiale di Chetan Bhagat, nel quale è prevista una sezione a domande e risposte che raccoglie le opinioni dell'autore sul romanzo. Secondo Bhagat, Un misero 18 esplora la questione di quanto sia importante il successo rapportato agli altri aspetti della vita.

CURIOSITA'

* La traduzione di Irene Montanelli e Giovanna Scocchera è stata realizzata nell'ambito del corso 'Tradurre la letteratura' organizzato dalla Scuola Superiore per Mediatori linguistici di San Pellegrino di Misano Adriatico. Le traduttrici spiegano il significato del titolo originale: Five Point Someone significa letteralmente 'cinque punto qualcuno', ed è un gioco di parole che trae origine dall'espressione 'cinque punto qualcosa' che è la pessima media conseguita dai protagonisti del romanzo.

* Un misero 18 ha ispirato 3 idiots, uno dei campioni d'incasso della storia di Bollywood, diretto da Rajkumar Hirani (Munna Bhai) e interpretato da Aamir Khan e Kareena Kapoor.

* Dal secondo romanzo dell'autore, Una notte al call center, è stato tratto il film Hello, la cui sceneggiatura è firmata da Bhagat. Sharman Joshi compare nel cast di entrambi.

* Il regista e attore Farhan Akhtar pare abbia acquistato i diritti per l'adattamento cinematografico del terzo romanzo di Bhagat, The Three Mistakes Of My Life. La pellicola dovrebbe essere diretta da Abhishek Kapoor, regista di Rock On!!.

* Anche Bhagat, come i personaggi di Un misero 18, si è laureato in ingegneria meccanica all'Indian Institute of Technology di Delhi (ed è sopravvissuto). Sito ufficiale dell'IIT.

GOSSIP&VELENI

* E' ormai ben nota la polemica sorta fra Bhagat e i produttori del film 3 idiots riguardante il riconoscimento all'autore della paternità del soggetto. Il 31 dicembre 2009 Bhagat ha pubblicato nel suo sito ufficiale un testo intitolato A book, a film and the truth, aprendo un dibattito mediatico che in India ha coinvolto una larga fascia di giornalisti, autori, lettori, spettatori, nonchè, ovviamente, la troupe e il cast del film. Vedi anche Moving to a solution, 02.01.10. In questo video Bhagat illustra il suo punto di vista. Per gli argomenti della controparte, vi rimandiamo alla recensione della pellicola.

Nessun commento: